Home Viaggi e Vacanze Cosa vedere in Liguria: città e borghi da visitare

Cosa vedere in Liguria: città e borghi da visitare

0
CONDIVIDI

Tra le mete preferite dai vacanzieri italiani (soprattutto residenti al Nord), e non solo, la Liguria è una terra che regala a chi la visita un’esperienza unica, in particolar modo dal punto di vista paesaggistico. Dal mare all’entroterra, la regione che detiene il maggior numero di Bandiere Blu offre uno spettacolo naturalistico che ha davvero pochi eguali per poliedricità. La sua costa è bagnata da uno dei mari più belli del paese e i suoi confini sono attraversati da paesaggi mozzafiato. Tra questi, tante cittadine e moltissimi borghi caratteristici, alcuni dei quali Bandiera Arancione, imprescindibili da visitare durante una vacanza in terra ligure. In questo articolo cercheremo di elencare i luoghi più interessanti da visitare in Liguria, provando ad andare oltre Portofino e le Cinque Terre, che per la loro indiscussa fama non hanno bisogno di essere consigliate o presentate.

Il borgo marinaro di Noli

L’antico borgo di Noli, ad esempio, in provincia di Savona, è indubbiamente uno dei centri abitati più affascinanti di tutto il territorio. Fu capitale della Repubblica omonima e la sua storia è strettamente legata alle tradizioni marinare: ancora oggi è possibile osservare sulle sue mura i segni di un glorioso passato, che la videro competere alla pari dei più importanti centri marinari della Liguria. Il centro storico si affaccia sull’Aurelia attraverso un fronte porticato, le torri e le architetture ancora in piedi lo rendono uno dei borghi medioevali più interessanti e meglio conservati di tutto il paese. Tra le vie è inoltre possibile ammirare alcune targhe che ricordano il passaggio delle personalità importanti che hanno calpestato le strade di Noli: da Cristoforo Colombo a Dante Alighieri, passando per Giordano Bruno. Una delle caratteristiche particolari di questo centro abitato da poco più di 2600 abitanti è indubbiamente il suo Golfo privo di venti, aspetto che rende la spiaggia di Noli bagnata da un mare sempre completamente calmo. A sovrastare l’intero paese c’è poi il castello di Monte Ursino, che sorge sulla collina omonima e che aveva lo scopo di difendere questo piccolo gioiello in provincia di Savona.

Dolceacqua e il castello dei Doria

Cambiando completamente zona e spostandoci nell’entroterra della provincia di Imperia, è impossibile non menzionare Dolceacqua, piccolissimo centro di 2000 abitanti, il cui nome risale all’epoca romana e che conserva ancora oggi i segni della storia che lo ha attraversato. A sovrastare il borgo vi è l’imponente castello dei Doria costruito nel XIII secolo, con la torre difensiva, e diventato residenza signorile durante il Rinascimento. L’edificio è oggi visitabile, attraverso un percorso panoramico che consente di ammirare l’intera valle e scoprire la storia di Dolceacqua, dei suoi monumenti e delle sue tradizioni più antiche.

Perché Sanremo è Sanremo

Rimanendo in provincia di Imperia, e spostandoci in città, tappa doverosa è Sanremo, una delle località turistiche più famose della regione, soprannominata la città dei fiori per via delle sue rinomate coltivazioni. Gli italiani associano spesso la città al festival canoro, tralasciando forse tutte quelle peculiarità che la rendono uno dei centri più interessanti di tutta la Liguria. Sono davvero tanti i luoghi caratteristici e gli eventi che rendono attraente il più grande centro abitato della provincia di Imperia: dalla corsa ciclistica (Milano-Sanremo) al rally, passando per il Premio Tenco e il già citato Festival di Sanremo. Per gli amanti dei giochi da casinò, Sanremo rappresenta inoltre una tappa imprescindibile quando si decide di visitare la Liguria: nella città dei fiori si trova infatti una delle tre case da gioco presenti in Italia.

Da Borgio a Seborga

Borgio Verezzi e Seborga, rispettivamente in provincia di Savona e di Imperia, sono altri due piccoli gioielli che vale la pena visitare se ci si trova in Liguria. il primo affacciato sul mare con i suoi caratteristici portici e la terrazza panoramica, famoso per il suo festival teatrale e inserito all’interno del circuito dei borghi più belli d’Italia. Il secondo è un piccolo comune di 285 abitanti, famoso poiché dagli anni Cinquanta rivendica l’indipendenza e lo status di Principato. I cittadini di Seborga eleggono un principe, che ha evidentemente funzioni simboliche, e coniano una propria moneta chiamata “luigino”. Qualunque sia lo scopo di questa rivendicazione, alcuni sostengono sia una mera questione di marketing e promozione turistica, è indubbio che entrare a Seborga faccia effettivamente sembrare di essere in un territorio “altro”, in cui il tempo si è fermato.

Liguria, terra unica nel panorama italiano

Sono davvero tanti i luoghi incantevoli e poco conosciuti che si potrebbero ancora elencare: da Triora a Bussana, da Cervo ad Apricale, da Castelvecchio di Rocca Barbena a Tellaro, passando per quella meraviglia assoluta che è Finalborgo. Come sono ovviamente imprescindibili tutte le città della Liguria, Genova e Savona in primis. Ci vorrebbero parecchi giorni per riuscire a visitare i posti più belli e ne rimarrebbero comunque fuori tantissimi altri. Questa terra è davvero unica nel panorama italiano, perché coniuga mare ed entroterra, l’una affacciata sull’altro ad una distanza così sorprendentemente ravvicinata, come non si vede in nessun’altra regione del paese.