Home Tecnologia Influencer marketing in Italia: il mercato cresce nonostante il Covid

Influencer marketing in Italia: il mercato cresce nonostante il Covid

0
CONDIVIDI
influencer marketing

Come procede il mercato dell’influencer marketing? A rispondere a questa domanda ci hanno pensato numerosi istituti da cui abbiamo tratto le considerazioni che riporteremo in questo focus sul mercato italiano. L’influencer marketing si sta dimostrando di centrale importanza per le aziende perché arriva dritto ai clienti con strategie creative e interessanti. Quest’anno il Covid ha dato impulso alle vendite online per cui il settore sta vivendo un momento di crescita molto vivace. Di conseguenza anche l’influencer marketing inizia a dare i suoi frutti, secondo un’agenzia di comunicazione a Perugia interrogata sull’argomento.

Le novità sul mercato

La promozione tramite le strategie dell’influencer marketing sembra avere risvolti positivi in termini di vendite e di conversioni e assicura buoni riscontri. I principali canali di vendita tramite influencer e content creator sono sempre Instagram e YouTube che sono in grado di generare soddisfacenti quote di vendita. Sono subentrate altre due piattaforme con prepotenza sul mercato degli influencer e hanno eroso quote molto ampie sul mercato dei social. Stiamo parlando di Twitch e TikTok, due piattaforme considerate “giovani” anche per via di chi le frequenta ma devono ancora poter espandere il proprio potenziale.

Micro e nano influencer

Il settore si è evoluto al punto da aver dato origine a diversi livelli di content creator nel mercato dell’influencer marketing. Difatti si parla di nino e macro influencer per fare riferimento a nicchie dai diecimila ai centomila follower di micro e nano influencer per fare riferimento a personalità conosciute su nicchie che vanno dai diecimila ai centomila followers e che vengono ingaggiati per promozioni più locali e di ridotte dimensioni. Quindi anche ristoranti e attività locali si servono degli influencer per promuovere le proprie attività perché mostrano il prodotto o il servizio, lo toccano con mano e lo consigliano più o meno spontaneamente.

Le strategie di promozione

Non basta dire “compralo” alle persone e questo lo immaginerai già. Ciò che davvero serve per una strategia è l’individuazione del tono di voce e delle giuste leve da smuovere, senza contare il posizionamento su un canale specifico, ad un orario altrettanto specifico. Quindi se parli a giovani donne di un cosmetico favoloso dovrai farlo attraverso un personaggio amato, il cui make up impeccabile sia di ispirazione per chi lo segue. Lo stesso vale per gli altri target di pubblico per cui la miglior strategia di influencer marketing è quella di creare “ispirazione” e invogliare a fidarsi dei consigli dell’influencer amato.

Le potenzialità del mercato

Se da una parte si tende a sponsorizzare prodotti e servizi in modo trasparente e naturale dall’altro è importante che i consumatori percepiscano essere sottoposti a pubblicità. Questa attività può modificare i comportamenti d’acquisto delle persone ed è integrata con altre strategie di marketing per l’ottimizzazione totale dei risultati di vendita, promozione e riconoscibilità. Quindi la legislazione si deve muovere per limitare adeguatamente il confine della manipolazione o cattiva informazione su un mercato in crescita esponenziale e che deve ancora estendere appieno le sue potenzialità.