Home Casa e Ambiente Alcuni consigli per la manutenzione delle tende da sole

Alcuni consigli per la manutenzione delle tende da sole

0
CONDIVIDI
tende da sole

La manutenzione delle tende da sole è fondamentale per assicurare la loro longevità nel corso del tempo. Ogni singolo componente richiede una specifica attenzione, ma è soprattutto la struttura metallica a necessitare di una cura meticolosa, a cominciare dai bracci. A volte occorrono semplici ma essenziali accortezze per evitare imprevisti e prevenire inconvenienti: per esempio le tende dovrebbero essere richiuse di notte o quando piove, così da evitare l’umidità.

Se, invece, si verificano dei fenomeni atmosferici consistenti e potenzialmente dannosi, il consiglio è quello di fare riferimento ad aziende esperte che possano mettere a disposizione un servizio di assistenza adeguato. Rivolgendosi a Tendaflex, per esempio, si ha la certezza di trovare soluzioni all’avanguardia dal punto di vista tecnologico, ma è possibile anche richiedere e ottenere la riparazione di tende da sole.


L’azione degli agenti atmosferici

Certo è che una manutenzione costante è molto importante, anche perché le tende da sole sono sempre esposte alle intemperie; e anche quando c’è bel tempo l’azione dei raggi del sole si può rivelare dannosa, per esempio facendo sì che i colori sbiadiscano. In assenza di una manutenzione adeguata, già dopo una stagione sola una tenda può apparire vecchia e usurata, magari piena di aloni e di macchie che di certo non assicurano una resa estetica piacevole. La neve, la pioggia e persino il vento sono nemici delle tende: in caso di precipitazione o vento forte la tenda deve essere ritirata subito, sia perché rischia di rovinarsi nel caso in cui venga lasciata aperta, sia perché si potrebbero verificare degli incidenti.

Tra gli accorgimenti che è utile tenere sempre a mente per evitare conseguenze spiacevoli c’è quello che suggerisce di non avvolgere mai le tende da sole nel caso in cui esse siano bagnate: ciò, infatti, potrebbe favorire la comparsa e la proliferazione della muffa, per colpa non solo dell’umidità ma anche della polvere.

Nel momento in cui il telo viene raccolto, è opportuno controllare che esso sia completamente asciutto; se così non fosse, i microrganismi e i parassiti avrebbero gioco facile nell’aggredirlo. Naturalmente può capitare di essere sorpresi dalla pioggia e che, quindi, si sia costretti a chiudere il telo quando ormai si è bagnato: in questa circostanza il solo rimedio da adottare è quello di aprirlo non appena se ne ha la possibilità, in modo da farlo asciugare.


La manutenzione del telo

Sarebbe opportuno evitare di usare prodotti chimici per la pulizia e per la manutenzione del telo. I solventi chimici, infatti, rischiano di intaccare la laccatura in pvc che viene applicata sul tessuto delle tende da sole allo scopo di migliorarne la funzionalità e di aumentare la loro resistenza. Anche i prodotti antimufffa potrebbero rovinare la tenda; ecco perché conviene fare ricorso unicamente a saponi neutri e, più in generale, a detergenti delicati. In qualsiasi caso, poi, prima di un’applicazione completa è meglio compiere una prova in un angolo.

Come si è detto, anche la polvere è una nemica da cui tenersi alla larga: soprattutto nelle abitazioni di città è frequente che si depositi e in seguito a precipitazioni si possono formare macchie grigie sulla tela rischiando di macchiarla in modo definitivo. Sarebbe bene, dunque, spolverare la tela frequentemente, anche solo con una scopa, mentre si svolgono le faccende domestiche tradizionali.


Il lavaggio delle tende

Ma come devono essere lavate le tende da sole? L’importante è che lo si faccia a telo asciutto; in caso contrario, infatti, il solo effetto che si otterrebbe sarebbe quello di distribuire lo sporco in giro. Quando è necessario effettuare un lavaggio profondo, dopo aver spolverato il telo con attenzione sono necessarie due passate di acqua tiepida; occorre ricordarsi di utilizzare una spugna delicata, e sempre sapone neutro. Le idropulitrici sono ammesse unicamente nel caso in cui vengano impiegate a bassa pressione, mentre devono essere evitati gli strumenti abrasivi, le spazzole rotanti e il vapore. Un lavaggio professionale dovrebbe essere eseguito almeno una volta ogni due anni.


E attenzione agli intrusi!

Non c’è solo la polvere, comunque, tra i nemici dai quali ci si deve difendere: anche le foglie e gli insetti possono provocare danni gravi. Ecco perché quando le tende da sole vengono chiuse ci si deve sempre preoccupare di controllare che non vi siano “intrusi”; gli insetti schiacciati, per esempio, possono macchiare il telo in modo indelebile. A proposito del telo, infine, è essenziale che sia sempre teso per garantirne l’apertura e la chiusura. 

Una manutenzione accurata, in sintesi, è fondamentale per fare in modo che le tende da sole durino a lungo nel tempo. Vale la pena di ricordarsi di controllarle con una certa frequenza, soprattutto in primavera e all’inizio della stagione estiva, per accertarsi che ogni cosa sia al posto giusto e che tutto funzioni come si deve. Ci si dovrebbe concentrare, in modo particolare, sulle parti mobili, che dovrebbero essere lubrificate con un po’ di grasso, e sulle condizioni della struttura portante e del telo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.