Home Salute Bulimia cos’è e quali sono i sintomi e conseguenze

Bulimia cos’è e quali sono i sintomi e conseguenze

0
CONDIVIDI

C’è una certa attenzione rispetto all’anoressia, se ne sente parlare frequentemente ma un altro disturbo alimentare, non meno grave e pericoloso è la bulimia di cui si sente parlare molto meno.

Questo disturbo si caratterizza per una eccessiva alimentazione, spesso compulsiva, la cosiddetta “Abbuffata” per poi ricorrere a vari modi per non ingrassare. Tra questi metodi ricordiamo il vomito autoindotto, l’assunzione di lassativi o l’assunzione di integratori o farmaci dimagranti. Ricordiamo che i farmaci dimagranti devono essere prescritti da medici competenti specialisti e solo dopo scrupolose analisi ed accertamenti sulla persona. In alcuni casi anche balzati alle cronache, si sono evidenziati casi di medici o sedicenti tali che hanno prescritto farmaci di questo genere provocando gravi danni nelle persone che li hanno assunti, purtroppo su internet si trovano liberamente e senza alcun controllo e questo è veramente grave.

Differenza tra Bulimia e Anoressia

Tutti sappiamo come le persone anoressiche siano drammaticamente magre mentre le persone bulimiche sono tipicamente in sovrappeso o anche rientranti nel loro peso forma, tuttavia in comune hanno la paura di ingrassare, insoddisfatte del loro peso e del proprio aspetto e con la costante ricerca del dimagrimento che perseguono ad ogni costo, pur nella contraddizione di alimentarsi in maniera compulsiva ed eccessiva. Decisamente più colpite dalla Bulimia sono le donne, in percentuale tra l’85 e il 90% del totale dei casi, specialmente in età adolescenziale ma anche in età adulta.

Le Cause della Bulimia

Nella Bulimia si riconoscono cause scatenanti diverse: oltre ad un errato rapporto con il cibo, la Bulimia può anche avere origine come reazione a certe diete eccessivamente severe e privanti ma anche dallo stress e da emozioni fortemente negative, la tristezza, quindi anche in uno stato depressivo o come reazione a situazioni che generano rabbia. Dunque anche eventi negativi accaduti nella vita comune, come un lutto, la perdita del lavoro ed altro possono scatenare la Bulimia. Il provocarsi il vomito dopo un ingestione eccessiva di cibo rappresenta per le persone affette da Bulimia un mezzo per riprendere il controllo della propria vita, alleviare lo Stress e l’ansia e non c’è una causa unica che provoca la Bulimia ma una serie di concause, di fattori che determinano l’insorgenza di questo disturbo.

Tra queste certamente c’è la cultura in quanto nel mondo occidentale, soprattutto, il canone della bellezza maggiormente promosso è quello della donna magra e perfetta che non corrisponde alla normalità della persona cui, tuttavia, molte donne tendono, spinte da immagini di donne di questo genere, rendendo difficile l’accettazione del proprio aspetto, magari anche bello ma pur sempre distante dallo stereotipo proposto.

Esiste anche un fattore familiare in cui possono esserci soggetti bulimici aumentando il rischio di emulazione e spesso gli stessi genitori spingono le figlie verso una ricerca di miglioramento dell’aspetto, criticando il corpo delle figlie. La personalità della persona che soffre di bulimia può rappresentare un fattore scatenante: spesso le persone bulimiche sono deboli, non riescono a domare e controllare le emozioni mentre anche certi sport in cui l’aspetto fisico rappresenta un fattore importante spinge verso la ricerca della magrezza per ottenere migliori prestazioni

La cura della Bulimia

Il primo passo è prendere consapevolezza di avere un problema che va risolto, quindi rivolgersi a professionisti che possono essere d’aiuto nella soluzione del problema. La prima figura in assoluto è il proprio medico, con cui è più facile per via del rapporto di fiducia e conoscenza iniziare a fare un percorso ma lo stesso medico deve avvalersi di un nutrizionista e soprattutto del supporto di uno psicologo che riesca a far emergere i fattori scatenanti e a superarli. Esistono anche terapie farmacologiche che possono aiutare ma questo deve passare per l’accettazione da parte della persona che soffre di Bulimia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.