Home Casa e Ambiente Arredamento e stili: guida alla scelta della scala

Arredamento e stili: guida alla scelta della scala

0
CONDIVIDI

In apparenza l’unica funzione di una scala è quella di consentire la comunicazione tra due livelli abitativi diversi. Sia essa interna o esposta all’esterno dell’edificio, la scala ha invece un profondo significato nella progettazione di un edificio. Quando gli architetti disegnano una scala, lo fanno ispirandosi alla natura, dove è possibile incontrare incredibili esempi di armonia metrica. Si pensi alle forme vegetali, che spesso con la loro architettura naturale hanno fornito ispirazione agli architetti e ai designer di tutto il mondo.

La scelta di una scala dipende, oltre che dallo spazio disponibile, anche dalla frequenza con cui se ne prevede l’utilizzo. Se l’uso è intenso, ad esempio una scala che collega due piani di una stessa abitazione, è necessario facilitare la sua percorribilità e diminuire la pericolosità insita nell’affrontare gradini.

La scala può essere dritta, con pianerottoli, a pioli, a rampe, a chiocciola, elicoidale con o senza ringhiera, autoportante, etc. Le mille variabili ne fanno un elemento di arredo molto importante capace di imprimere un tono preciso a tutto il contesto in cui è inserita. Le diverse possibilità stilistiche e funzionali rappresentano altrettante varianti nel design della scala.

Arredamento: la scala a chiocciola

in una casa su due piani dove le stanze sono al piano di sopra è normale avere la massima cura nella scelta della scala. Le camerette Rimini e Cesena, che stanno prendendo quota e stanno diventando sempre più gettonate, devono essere raggiunte dai bambini con divertimento e stile. Allora cosa c’è di meglio di una bella e sfiziosa scala a chiocciola? Ideale per le case con arredamento moderno e che fa vivere con allegria anche i più piccoli.

La prima scala a chiocciola nacque ad opera di un architetto italiano, Andrea Palladio nel 1561. Dal XVI secolo esse iniziarono a farsi strada nelle case dei più altolocati, fino a raggiungere l’apice del successo nel Settecento e nell’ Ottocento. Cent’anni fa le scale a chiocciola erano costruite in ghisa o in ferro, poste anche al di fuori degli edifici e utilizzate come vie di fuga. Questo impiego era dovuto al fatto che i metalli hanno più capacità di resistere al fuoco, una delle prime cause di crollo degli edifici, sia pubblici sia privati.

Arredamento e stili: la sicurezza delle Scale

I dettagli delle scale non vanno visti solo come semplici decori, ma devono rispettare anche importanti criteri di sicurezza. I bordi degli scalini vanno indicati da zigrinature antiscivolo, soprattutto se l’ambiente è pubblico.

Anche le strisce rugose poste sugli scalini hanno la loro importanza perché esse hanno il fine di evitare inciampi, o scivoloni, oppure alle scanalature dei dettagli in alluminio per evitare la scivolosità dell’alluminio. Anche gradini in marmo, magari che si trovano all’esterno e quindi all’acqua, possono prevedere una lavorazione peculiare volta ad evitare che la loro superficie sia rischiosa.

Tra le nuove tendenze presenti nei nuovi arredamenti ci sono nello specifico, l’applicazione dell’illuminotecnica alla scala. La scelta della luce è un punto focale, sia da un punto di vista decorativo sia di sicurezza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.